martedì 12 maggio 2009

Lost in Tokyo


Lost in Translation è uno dei miei film preferiti. Perche'?
Location. Storia. Capacitàdi emozionare con poco chiasso.

Insomma piango ogni volta, e ho consumato il dvd a forza di vederlo..

Ok, passiamo alla parte sugosa. :D

Questo film e' un buon punto di partenza per vedere Tokyo, anzi e' IL punto di partenza. Ci sono tanti film che mostrano location giapponesi, ma Sophia Coppola coglie la vera essenza della diversita' di una cultura cosi' lontana da noi e dall'occidente americano di Bill Murray, del sentirsi inadeguato e fuori posto in un mondo dove si da' per scontato l'ovvio quando non si dovrebbe.
A cominciare dalla copertina. Bill con le ciabatte dell'hotel troppo piccole per i suoi piedi americani ma a norma di statura di uomo d'affari nipponico ed il kimono corto. La cortesia e deferenza degli addetti all'accoglienza all'hotel.

Tanti piccoli particolari.

Un saggio di follia telefivisiva giapponese nel programma in cui viene invitato l'attore Bob Harris... (se avete il dvd guardate la versione completa nei contenuti speciali)


L'incrocio di Shibuya che lascia Charlotte senza parole in una lunghissima sequenza alla scoperta della citta' in un giorno di pioggia. E gli ombrelli trasparenti presenti ovunque (a detta di stefano, li vendono dappertutto come fossero fazzoletti di carta).
Lo schermo gigante con l'immagine del dinosauro che passeggia, le persone che la scansano prese dalle loro faccende.



La cena al ristorante con lo Shabu shabu dove non sanno bene come cucinare (non che avessero voglia di mangiare in quella scena..)



Il karaoke e il travestimento (e questo mi ricorda Lucca. O meglio Lucca mi ricorda il giappone quando posso andare in giro con parrucche e travestimenti :)



La tecnologia assurda, futuristica e .... spiazzante.


I grattacieli metropolitani con vista mozzafiato e le case basse di legno con le porte di carta di riso.


E ci sarebbe molto altro, Charlotte nel parco, il matrimonio tradizionale, la cerimonia buddista, i locali notturni.

Insomma, beh. Guardatelo. Anche la colonna sonora merita parecchio.


3 commenti:

  1. Anche a me è piaciuto tantissimo questo film e l'ho visto un mucchio di volte! Lo trovo estremamente affascinante. Chissà se è poi così l'impatto con Tokyo? Ce lo dirai vero?? :-D

    RispondiElimina
  2. Ovviamente su questi schermi :D

    RispondiElimina
  3. Anche io ho visto il film della Coppola incuriosita dal nome del film e dal celebre cognome della regista. Mi è tanto piaciuto perchè mi ha mostrato il modo di vivere e divertirsi di un popolo molto lontano dal nostro!! Gli Air in colonna sonora sono fantastici... insomma, aspettiamo i tuoi racconti e tue sensazioni.
    A presto

    RispondiElimina